Skip to main content
Naturopatia

Vedi “Prevenzione Invernale”

STRESS, ANSIA e ASTENIA

Detox e Riflessologia Olistica Integrata.

img_9020
img_8984
Ci sono momenti della vita, dove ci si sente senza energia, poco motivati, “senza una direzione”, ansiosi. La mente e il corpo sembrano non siano collegarsi, ci si sente non felici e insoddisfatti, rallentati e doloranti.
La parola “stress” è utilizzata molto spesso ed è caratterizzante di questa epoca. In fisiologia è indicatore di un’azione specifica e complessa di stimolo-risposta. Il corpo ha una risposta aspecifica a una richiesta dell’ambiente, questo può essere di origine piacevole o spiacevole. Si ha così a livello corporeo l’attivazione di alcuni meccanismi neuroendocrini al fine di adattarsi e difendersi alle varie situazioni.
Si evidenziano diverse fasi in questo meccanismo ha secondo del tempo in cui si protrae la situazione di emergenza.
La prima è una reazione di allarme; ciò la fase, dove l’individuo entra in contatto con l’agente stressante, in un’azione passiva quindi subendo l’esperienza, a questo punto si attiva una risposta di reazione dell’organismo.
La fase successiva è di adattamento allo stato o detta anche di resistenza, che gli permetta di resistere nel tempo.
La fase di esaurimento, è la “fase” in cui il soggetto è rimasto prosciugato. Lo stato si caratterizza in una reazione e comportamento astenico, passivo e depresso, ha finito le proprie energie, per poter continuare a vivere in questo modo.
Ogni fase attiva cambiamenti fisiologici di ordine: chimico, biologico e psicofisico.

Uno studio del Prof. A. Tedeschi:

Dalla riflessologia delle onde celebrali all’Holographic Bioresonance” afferma che rispetto al passato l’uomo deve affrontare una realtà molto più complessa e difficile ed è diventato allora di primaria importanza studiare i fenomeni della vita intesa come un flusso d’informazioni: l’uomo degli scambi d’informazioni al suo interno (attività endogena) e con il mondo esterno che lo circonda (attività esogena). Esistono varie modalità scientifiche per indagare questa realtà tra le più valide troviamo lo studio delle onde celebrali, dove in particolare si analizzano le frequenze contenute nel segnale EEG. Tali frequenze sono suddivise secondo una convenzione internazionale e sono espresse in Hertz (Hz) ovvero in cicli il secondo: le onde DELTA vanno 0,5 a 4 Hz, le THETA da 4 a 8 HZ, le ALFA da 8 a 12 Hz e le BETA da 12 a 30 Hz.

Nelle sue ricerche il Tedeschi ha potuto vedere dopo attente osservazioni, che la mappa cerebrale riferita agli organi del corpo ricostruisce la “mappa fisiologica” non di un uomo adulto, ma quella di un embrione di 12 settimane. In quel momento, infatti, si costituiscono i vari livelli di distribuzione dell’informazione nei vari sistemi organici di riflessologia, nei piedi, negli occhi, nell’orecchio, nelle mani, e nella pelle…ecc.

La scansione di frequenze celebrali che avviene è correlata alla corretta attivazione delle frequenze/organo, per cui nell’istante in cui il tecnico di medicina naturale tratta un organo o una determinata parte del corpo, si vede nel suo quadro celebrale l’attivazione in ampiezza dell’onda cerebrale della frequenza cui corrisponde e dopo una frazione di secondo l’attivazione della stessa frequenza tra il ricevente.”.

La Riflessologia Olistica Integrata;
viene applicata sulle mappe riflessogene presenti in diverse parti del corpo, utilizza la forza di pressione delle dita per stimolare e si applica con una azione di digitopressione. Inoltre utilizza gli stessi punti dell’agopuntura avvalendosi degli studi di Medicina Cinese.
Il meccanismo di azione si basa sulla teoria che, applicando una pressione in questi punti possiamo manipolare il QI (energia secondo la Medicina Cinese) che scorre attraverso percorsi di energia chiamati meridiani all’interno del nostro corpo.
Sintomi indicatori di questo tipo di bisogno: astenia, depressione e ansia, gonfiore addominale, stitichezza, reflusso gastrico e difficoltà digestiva, tensione mandibolare e pienezza di testa, ronzii e vertigini, tensioni oculari; gonfiori e rossori, prurito e rossori della pelle, difficoltà a progettare e a essere creativi, irritabilità a persone e a situazioni, difficoltà a portare a termine i compiti della giornata, poco interesse alla vita, sensazione di pesantezza, mancanza di gioia e felicità, situazione di stallo nella vita.

Terapia Auricolare Naturopatica

Massaggio e applicazione di”semi” sui punti riflessi

L’orecchio è considerato un microsistema in cui ad ogni punto della pelle corrisponde in modo chiaro un determinato organo/apparato/funzione , come in ogni mappa riflessa del corpo. Per questo motivo, si stimola la sede corrispondente e riflessa con massaggio e applicazione di semi che possono essere lasciati in sede anche per alcuni giorni, l’effetto è ulteriormente potenziato.

L’auricoloterapia nasce nella metà del secolo scorso contemporaneamente nella lontana Cina, dalle basi della millenaria Agopuntura e in Francia dal Dr Nogier. Il razionale dell’ utilizzo di questa tecnica si basa sulla rappresentazione, a livello del Padiglione Auricolare, di tutto l’organismo.

I suoi utilizzi sperimentati con buon risultato; sono da riscontrarsi ad azione analgesica , miorilassante, ansiolitica, regolazione del sonno, antidepressivo, preventivo negli attacchi di panico, pruriti, decongestionante della mucosa nasale, effetto mucolitico e affezioni broncopolmonari, azione di sostegno in caso di dipendenze di vario genere(emotivo e di sostanze). Da applicarsi a sostegno delle terapie mediche o in fase preventiva con consigli di fitoterapici e integratori alimentari. Uno stile di vita Naturopatico ne mantiene il beneficio nel tempo.

Utilizzo secondo la scuola Cinese nella stimolazione delle funzioni dei “cinque organi”

Negli antichi testi cinesi si legge che tutti gli organi sono collegati all’orecchio attraverso “meridiani energetici”. In tal modo viene spiegato l’ampia azione terapeutica degli agopunti sul padiglione auricolare; le cui indicazioni cliniche sono relativi ai complessi insiemi funzionali descritti dalla Medicina Cinese.

Cuore e pericardio

E’ sede della mente (Shen)

Il cuore rappresenta l’imperatore del sistema uomo, considerato sede dell’attività cosciente intesa come capacità di libero arbitrio e capacità di dialogo, espressione e comunicazione delle proprie idee intenzionali.

Il cuore esercita, inoltre, il controllo sulla circolazione sanguigna e la secrezione del sudore. Iperidrosi su base emotiva.

Polmone

Governa il Qi respiratorio-energia vitale

Azione detox di espulsione gas tossici inalati e prodotti dall’organismo.

Distribuzione di ossigeno e nutrimenti ai tessuti. Circolazione di energia protettiva e difensiva espressa dal sistema immunitario e dalla termoregolazione. Con disturbi che si esprimono nelle sintomatologie di tipo oppressione toracica, dispnea, tosse, asma, respiro superficiale, raffreddori ricorrenti, sinusiti, allergie, ci si ammala facilmente, problematiche varie legate alla pelle.

Milza

Governa la digestione e assimilazione del cibo, provvede a nutrire in modo adeguato il corpo. Gestione del metabolismo dei liquidi puri estratti dai cibi, funzione di collegamento al pensiero, capacità analitica e nutrimento del cervello.

Energia in disequilibrio di questo organo sono da riscontrarsi nei disturbi digestivi, meteorismo, flatulenze, malassorbimento, vertigini, catarri, edemi, facilità ai sanguinamenti,senso del gusto, umidità delle labbra, alterazioni mestruali, confusione mentale e pensieri ossessivi.

Rene

Custodisce l’essenza della vita, il progetto di vita e la riproduzione, l’invecchiamento e il sistema endocrino.

Controlla le ossa, capelli e unghie, l’udito e la gestione degli orifizi. E’sede della volontà, della stabilità emotiva, della determinazione e della capacità decisionale, regolazione dell’umore e delle paure.

Le sintomatologie spaziano dai problemi di incontinenza, irregolarità mestruali, sterilità, sindromi climateriche, edemi, infezioni urinarie, freddolosità, astenia, acufeni, sordità e vertigini. Indecisioni, timidezza, apatia, depressioni, mancanza di iniziativa, incapacità di mettere in pratica le idee.

Fegato

Il fegato viene paragonato al comandante di un esercito-organismo, nel quale ha il compito di coordinare il funzionamento e il sincronismo armonioso del corpo. Il fluire dell’energia e del Sistema Nervoso. Immagazzinamento e regolazione del sangue. Detossinazione dei tossici attraverso le vie biliari. Aperture dell’occhio e delle sue problematiche. Gestione dell’emozione rabbia.

Disturbi correlati si riscontrano patologie del S. nervoso, tendini e muscoli, patologie del sangue, cefalee ed emorragie, tensione addominale, bocca amara, irregolarità mestruale, aggressività, frustrazione, insonnia.

Naturopata Riflessologa

Loretta Iuzzolino

foto-auricoterapia

Per maggiori informazioni  :

img_e4657