Skip to main content
Sivananda Yoga

COME NASCE IL SIVANANDA YOGA

Swami Sivananda, uno dei più grandi maestri di Yoga del ventesimo secolo, è la figura che ha ispirato i centri di Sivananda Yoga.

Infanzia e giovinezza

Nato nel 1887 a Pattamadai, Tamil Nadu, India del sud, Swami Sivananda futuro creatore del Sivananda Yoga, il cui nome allora era Kuppuswami, era un ragazzo brillante sia negli studi che nella ginnastica e mostrava già un’inclinazione naturale per le pratiche spirituali e religiose. I suoi genitori erano molto devoti al Signore Siva e Kuppuswami era ben lieto di unirsi a loro due volte al giorno per le funzioni (Puja) e per i Kirtan (canto dei Mantra).

Il suo spirito naturalmente disinteressato lo portò alla carriera di medico. Il suo stupefacente desiderio di imparare e la sua capacità di assimilare le materie di studio gli valsero il rispetto dei suoi professori che lo invitarono ad assistere ad interventi chirurgici già dal primo anno di studi universitari.

In questa tipologia di tradizione si includono i sistemi classici di hatha, raja, karma, bhakti, jnana, mantra, kriya, kundalini ed altre branche dello yoga basate sulle antiche tradizioni e filosofie del Samkhya, Vedanta e Sannyasa, ed è basata sulla saggezza tradizionale e sugli insegnamenti, che sono raffinati e rivalutati da un Maestro e precettore vivente per soddisfare le necessità attuali. È una tradizione vivente in quanto tramandata e sviluppata da un vivente.

Questa tipologia di Yoga (il Sivananda Yoga) fornisce un approccio solido, sistematico e graduale, basato sulla sicurezza e sul buon senso. Le lezioni di Satyananda Yoga sono attualmente condotte in differenti parti del mondo, negli ospedali, scuole, università, centri sociali, centri di cura, uffici governativi, istituzioni sportive e prigioni.  Anche presso il centro Pilates e Yoga Riccione Corpo e mente in equilibrio  è possibile frequentare questa tipologia di corso. Tramite la pratica regolare, gli allievi delle lezioni di Satyananda Yoga fanno esperienza di una maggiore stabilità, pace, forza, salute e benessere.

Stress, preoccupazioni ed ansia spesso sono il risultato di uno stile di vita focalizzato su eventi passati o futuri ed ampiamente privo di contatto con la realtà presente.

La pratica di yoga risveglia la consapevolezza dell’individuo e canalizza le forze auto-terapeutiche del corpo, della mente, delle emozioni e dello spirito. Yoga viene a volte tradotto come lo stato di essere consapevoli, di essere svegli, per questo questa tipologia di Yoga è considerata particolarmente benefica per il corpo.

pialtes-riccione-sivananda

Il Dr. Kuppuswami – La vita

Il giovane Dr. Kuppuswami avvertì un’urgente necessità di recarsi in Malaysia, dove sentiva che c’era un gran bisogno di aiuto. In breve tempo gli fu conferito l’incarico di dirigere un ospedale. In questi anni il Dr. Kuppuswami si fece conoscere per essere sia un eccellente medico che un uomo di grande umanità.

Spesso abbassava le sue tariffe per i pazienti più poveri e in varie occasioni fornì gratuitamente le medicine ai suoi pazienti più bisognosi.

Un giorno il Dr. Kuppuswami ebbe l’opportunità di curare un Sannyasin itinerante (monaco o persona che ha rinunciato ai beni terreni) che diede al dottore i primi rudimenti sullo Yoga e sul Vedanta.

Da quel giorno in poi la sua vita cambiò e gradualmente il Dr. Kuppuswami divenne più introspettivo, non riusciva più a smettere di ragionare sulle grandi questioni della vita. Cominciava a sentire il bisogno di aiutare la gente ad un livello più profondo, non più limitandosi a curare il loro corpo fisico, ma aiutandoli a trovare una cura per tutte le sofferenze.

Il grande Sannyasin Swami Sivananda

Pieno di immenso desiderio di crescita spirituale e di illuminazione, Kuppuswami andò nell’India del nord alla ricerca del suo Guru. Dopo aver passato del tempo a Varanasi si spostò ancora più a nord, nell’Himalaya.

Lì, nella città sacra di Rishikesh (che vuol dire “la sede dei saggi”), Kuppuswami trovò il suo Guru, che gli diede il Sannyas (il voto di rinuncia di un monaco).

Dopo aver preso questi voti Swami Sivananda Saraswati, come sarebbe stato conosciuto da allora in poi, iniziò una Sadhana (pratica sprituale) molto intensa e Tapas (austerità) che proseguirono per circa dieci anni.

Alla fine di quel periodo molti altri Sadhu si sentirono attratti da Swami Sivananda per la sua istruzione e per la sua ispirazione spirituale.

Swami Sivananda, il maestro del mondo

Da allora Swami Sivananda divenne uno dei più prolifici insegnanti di Yoga mai esistiti.

Sebbene abbia lasciato raramente la cittadina di Rishikesh (due soli tour dell’India e nessuna visita all’estero), l’insegnamento di Swami Sivananda si è diffuso rapidamente nell’intero pianeta. Scrisse personalmente – più di 200 libri su argomenti legati allo Yoga e alla filosofia. Scrisse in uno stile molto diretto, carico di energia dinamica e spirituale. In conseguenza di ciò, molti di coloro che avevano letto i suoi libri sentirono la loro vita profondamente toccata e trasformata, e cominciarono ad arrivare da tutta l’India, da tutto il mondo, per imparare direttamente da lui e per godere della sua santa presenza. Gli insegnamenti del Maestro Sivananda sono riassunti in queste 6 parole:

“Servire, Amare, Dare, Purificare, Meditare, Realizzare”.

Nel 1957 Swami Sivananda mandò un suo discepolo devoto e intraprendente, Swami Vishnu-devananda in occidente, dove fece nascere i Centri Internazionali Sivananda Yoga Vedanta.